Cerca
  • Paola Bernasconi

Come affrontare il blocco dello scrittore e del grafico? La Pesce fa così

Aggiornato il: 22 mag 2020

Capitano i momenti da blocco dello scrittore o del grafico. E non c’è una soluzione valida per tutti. Noi vi diciamo la nostra che è un po’ come scoprire l’acqua calda, o forse no. Noi, di fronte alle pagine bianche, ci fermiamo, ci guardiamo e facciamo un brief interno, una specie di brief nel brief.

Brief

Per essere didascalici, un brief è un documento che viene redatto prima di iniziare a lavorare con un cliente e nel quale vanno inserite tutte le informazioni che occorrono per sviluppare un progetto: il background (la filosofia aziendale, le informazioni sul prodotto o la marca…), gli obiettivi (vendere un nuovo prodotto, consolidare o modificare l’immagine aziendale, creare un sito…), il pubblico di riferimento, lo stile e il tono di voce da adottare, budget e tempistiche. Deve essere dettagliato (molto) e non dare nulla per scontato.

Brainstorming

Quando abbiamo letto e riletto il brief ma la sindrome da foglio bianco continua a perseguitarci, lo leggiamo ancora una volta con attenzione e ne parliamo a ruota libera in un brainstorming matto e disperatissimo dove si buttano fuori idee di ogni tipo: immagini, parole, frasi, concetti, pensieri attinenti o meno. Vale se stiamo creando un logo o se dobbiamo scrivere un contenuto; vale ancora di più quando abbiamo quel foglio bianco davanti e per qualche motivo non riusciamo a lavorarci con creatività.

Mappa concettuale

Da questo brief iniziamo poi a stilare una mappa concettuale partendo da un concetto e iniziando a collegare le idee di cui sopra. È una rappresentazione spartana, a uso interno, ma fondamentale perché permette di riordinare il brainstorming. Soprattutto, una mappa concettuale apre percorsi nuovi altrimenti inarrivabili che stimolano la fantasia e iniziano a farci vedere quel foglio bianco un po’ meno bianco.


Una mappa concettuale scritta dalla Pesce Comunica
Una mappa concettuale scritta dalla Pesce Comunica

I tarocchi

Capita anche di usare un altro trucchetto. Capita che ci affidiamo ai tarocchi. Cosa? Sì, proprio a loro. Con le Creative Cards di Intùiti abbiamo sbloccato più di un blocco creativo. Ci avevano incuriosito, le abbiamo acquistate e le abbiamo usate. Perché queste carte propongono una serie di suggestioni ricavate dagli archetipi dei tarocchi più classici che stimolano a livello emotivo e ispirano. È uno strumento ludico ma a noi è dalle risate che arrivano le idee migliori.


Le Creative Cards di Intùiti che usa la Pesce Comunica
Le Creative Cards di Intùiti che usa la Pesce Comunica

Riempire il foglio bianco

Il blocco delle scrittore e del grafico è passato. E la felicità arriva.


E voi che tecniche usate per affrontare la sindrome da foglio bianco? Fatecelo sapere, inviate un’email a info@pescecomunica.com e ve ne saremo grati.


Colonna sonora: Numb (Linkin Park)

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti